Ilaria e Umberto – atto finale

Vi ricordate di Ilaria ed Umberto? Nel 2019 abbiamo organizzato per loro il matrimonio civile!

Dall’inizio le loro idee erano chiare: il loro grande giorno lo avrebbero festeggiato due volte, la prima in occasione del rito civile e la seconda grande festa per il rito religioso. Purtroppo (ma nemmeno tanto ndr) il covid ha un attimo scombinato i piani e il 15 luglio 2021 dopo un rinvio ce l’abbiamo fatta.

Ilaria ha da subito espresso il matrimonio di avere un matrimonio dallo stile vintage ancorato alla tradizione pugliese e l’abbiamo accontentata.

Gli elementi di spicco nel progetto di design le ormai celebri damigiane di vetro verde ed una cascata di lisianthus nei toni del rosa antico e del bianco. L’abito della sposa un tripudio di pizzo ed un sottogonna nei toni del nude che le conferivano esattamente l’aria vintage che desiderava.

Il corredo cartaceo studiato in ogni minimo dettaglio prevedeva una serie di accessori che hanno lasciato gli ospiti a bocca aperta. In Chiesa la scelta di allestire una wedding bag “scomposta” è stata vincente, le ospiti soprattutto hanno gradito il ventaglio e tutti ma proprio tutti le bottiglie di acqua rigorosamente fresche (abbiamo corrotto una macelleria vicina per tenerle in fresco sino all’ultimo ndr) che hanno rinfrescato gli animi accaldati viste le alte temperature.

Le parole spesso servono a poco, correte in galleria https://michelatombolini.it/gallery/ per scoprire tutti ma proprio tutti i dettagli di questo progetto che ci ha appassionati e impegnati tanto.

Location Parco La Serra Castellana Grotte (BA)

Flowers Michela Fragagnano (TA)

Foto e video Fotograficamente Lecce

Musica Dark Angel

Coordinato grafico Semira Creations

Planning and Design Michela Tombolini

Silvia e Fabrizio

La stagione 2020 è stata una di quelle che non dimentichi, i miei sposi hanno tutti deciso di sposarsi al 2021 tranne Loro due.

Silvia e Fabrizio hanno sfidato tutto: il Covid, il fato ed alcuni eventi avversi ma ce l’hanno fatta e alla grande.

Nella cornice della meravigliosa “Masseria Magli” in quel di Martina Franca hanno detto si davanti ai loro amici e parenti con una celebrante d’eccezione: la migliore amica di Silvia che ha visto nascere il loro Amore.

Per loro uno stile pugliese doc, un allestimento floreale delicato con eucalipto, lisianthus e margheritine.

La sposa Silvia ha attraversato tappeto di petali meraviglioso per raggiungere, al braccio del papà, il futuro sposo Fabrizio. Al cospetto della chiesetta sconsacrata Fabrizio e Silvia hanno coronato il loro sogno d’amore.
Per la cena sono stati previsti dei centrotavola realizzati con i cosìdetti “boccacci pugliesi”riempiti di fiori, nastri e candele che hanno creato un’atmosfera magica. La mise en place prevedeva anche dei rametti di ulivo legati ai segnaposto e nulla è stato lasciato al caso.

In una calda serata di fine agosto 2020 Silvia e Fabrizio hanno vinto la loro battaglia contro la pandemia, il loro coraggio ed una stella che li proteggeva da lassù hanno permesso loro di realizzare il sogno di una vita.

Correte in galleria per vedere le immagini https://michelatombolini.it/gallery/

 

Location @masseriamagli

Catering @cateringcheztoi

Musica @tribemolle

Ph @robertatrani

Design e coordinato grafico @charme_barbara_massafra

Planning @michela_tombolini

Decreto Legge n.52 e Matrimoni

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale da qualche ora ed ha scatenato immediatamente malcontento tra le coppie di futuri sposi che lo attendevano come una manna dal cielo.

Parliamo del Decreto Legge n. 52 del 21 aprile 2021, un provvedimento che prevede la graduale ripartenza delle attività economiche e sociali.

Circolava già la bozza ed era abbastanza chiaro che di matrimoni ed eventi privati non ci fosse nemmeno l’ombra.

Prima di capire i possibili scenari è importante fare una doverosa premessa: nei giorni scorsi alcune wedding planner hanno dichiarato di utilizzare questo momento di stop per capire un po’ le differenze tra i provvedimenti che il Governo (Conte e poi Draghi), ormai da 14 mesi, sta utilizzando per fronteggiare la crisi. Permettetemi quindi in apertura di dedicarmi a questo: gli strumenti del DPCM e del DL, utilizzati spesso alternati.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è un provvedimento amministrativo mentre il Decreto Legge è un atto normativo che deve passare dal Parlamento per essere ratificato entro 60 giorni altrimenti perde immediatamente efficacia.

Il DPCM è un atto amministrativo di secondo grado quindi di grado inferiore rispetto al Decreto Legge.

Fatte queste doverose premesse veniamo ad oggi.

Il Governo Draghi aveva già annunciato che sarebbe ricorso molto di più allo strumento del Decreto Legge e non ai DPCM (Conte ne ha addirittura abusato secondo alcuni ndr), per una serie di motivi ma essenzialmente perché il DPCM pone anche dei problemi grossi di incostituzionalità. Non avendo rango di legge primaria di fatto la loro violazione comporta solo una sanzione amministrativa.

Nel Decreto Legge in oggetto sono previste le graduali ripartenze della attività produttive ma non vi è alcun riferimento diretto al wedding e agli eventi privati.

Parlo di riferimento diretto perché al contrario all’art. 1 al comma 1 viene disposto che “fatto salvo quanto diversamente disposto dal presente decreto, dal 1° maggio al 31 luglio 2021, si applicano le misure di cui al provvedimento adottato in data 2 marzo 2021.

Il provvedimento in questione è il DPCM del 2.03.2021 il quale all’art. 16 vietava le feste conseguenti alle cerimonie civili e religiose.

Possiamo quindi affermare che tale divieto richiamato continua la sua validità sino al 31 luglio 2021.

Una questione che sta molto a cuore a tanti futuri sposi e capire se a seguito della cerimonia civile o religiosa, che non sono mai state vietate, si possa in zona almeno gialla recarsi in un ristorante per offrire un pranzo a pochi ospiti.

La risposta ce la offre il nuovo Decreto Legge il quale all’articolo 4 stabilisce che “ Dal 26 aprile 2021, nella zona gialla, sono consentite le attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto, anche a cena, nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti di cui ai provvedimenti adottati in attuazione dell’articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020, nonché da protocolli e linee guida adottati ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.

  1. Dal 1° giugno 2021, nella zona gialla, le attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, sono consentite anche al chiuso, con consumo al tavolo, dalle ore 5:00 fino alle ore 18:00, nel rispetto di protocolli e linee guida adottati ai sensi dell’articoli 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020.”

La circostanza che venga utilizzata l’espressione “svolte da qualsiasi esercizio” fornisce degli scenari:

  1. apre alle location private che dispongano di autorizzazione alla ristorazione;
  2. apre alle location private che invece usufruiscono dei servizi dei catering.

E’ chiaramente una interpretazione plausibile, a patto che vengano rispettate tutte le regole previste per la ristorazione (servizio al tavolo, orari, numero massimo di persone al chiuso, distanze tra commensali.)

Ovviamente questa interpretazione consentirebbe la somministrazione del pranzo o cena ma senza alcun intrattenimento danzante che trasformerebbe immediatamente il tutto in festeggiamento. La ratio del divieto espresso dal Dpcm è quella di evitare i contatti e gli assembramenti.

Sarebbe sicuramente auspicabile chiedere a chi di dovere un chiarimento in merito per comprendere se tale interpretazione possa essere plausibile.

Ormai da 14 mesi rappresenta una costante: ogni volta in cui è stato emanato un provvedimento le prime domande che mi giungono sono quelle riguardanti gli stratagemmi per aggirare i divieti. Argomento che mi sta tanto a cuore quanto quello che mi vede impegnata dall’inizio: fornire la corretta informazione e far comprendere quando si è al cospetto di una fake news o di una notizia distorta.

Purtroppo sono tante le notizie che mi giungono di location in giro per l’Italia che stanno tenendo eventi privati in barba ai divieti, comportamento che sicuramente favorisce i “furbetti del quartiere”, che penalizza gli operatori del wedding ed eventi privati Corretti e osservanti delle norme e dei divieti, che non fa altro che contribuire a creare danni su danni ad un settore immobile da 14 mesi.

Siamo d’accordo che non ci sia una data di ripartenza, siamo d’accordo che a Roma si siano completamente dimenticati di noi ma con l’emanazione di questo provvedimento non tutto è perduto.

Intanto il famoso coprifuoco che tanto sta facendo discutere sarà in vigore sino al 30 maggio con la possibilità di ampliarlo o eliminarlo in base all’andamento della pandemia.

Ma non solo! Ieri sera la Ministra Gelmini durante la trasmissione “Porta a Porta”, (ma anche in alcune interviste Antonio Tajani), ha dichiarato che si continuerà a lavorare per far ripartire anche il settore dimenticato dei matrimoni e che da metà maggio potremmo avere delle novità.

Questo significa che potranno essere apportate delle modifiche al Decreto Legge e che verosimilmente potremo avere delle notizie anche in merito all’approvazione del protocollo relativo.

Chiudo questo post con una considerazione: sono avvocato da più di 10 anni, per arrivare ad esserlo il percorso da intraprendere, che inizia con la laurea in legge, è lungo e tortuoso. Si passa da una tosta pratica forense e da un esame di stato da incubo ed anche una volta in possesso del titolo non si smette mai di studiare.

Nonostante l’esperienza ormai maturata, ogni volta che sono al cospetto di una questione giuridica o di un provvedimento ho bisogno di tempo per studiare il tutto per comprendere al meglio. Perché vi dico questo?

Non è possibile diventare da un giorno all’altro esperti di diritto, cercate quindi sempre di capire la fonte da cui vi arrivano le notizie: ogni professionista deve esprimersi solo quando la questione è afferente alla sua esperienza ed al suo lavoro altrimenti rischia di diffondere contenuti errati che creano in chi li legge solo tanta confusione.

Non è facile comprendere e collegare tutti i rinvii di un provvedimento e soprattutto interpretare richiede delle competenze che scaturiscono da una preparazione ad hoc.

Mi chiedete spesso “Michela sei ottimista? Come vedi il futuro dei matrimoni?”

Ebbene si, continuo ad essere ottimista nonostante tutto perchè credo un settore così importante avrà presto non solo la data di ripartenza ma anche il giusto riconoscimento a livello nazionale.

 

Julia e Nunzio dalla Svizzera con la Puglia nel cuore

Quando Julia e Nunzio mi hanno contattata hanno espresso una precisa richiesta: vogliamo un matrimonio pugliese nei modi ma non nei tempi. Loro due, una splendida coppia Svizzera desideravano una grandissima festa dal sapore del sud ma che non avesse i tempi “dilatati” dei matrimoni nostrani.

La data scelta il 12 ottobre, anche per questo dettaglio i ragazzi avevano le idee molto chiare e a posteriori devo ammettere che è stata la scelta più azzeccata: il 12 ottobre 2019 abbiamo avuto picchi di 30 gradi con conseguente distribuzione per gli invitati di crema solare.

Tra le diverse proposte Julia e Nunzio hanno scelto una location meravigliosa, Tenuta Monacelli. Una masseria stupenda immersa in 330 ettari di ulivi del Salento.

Per la cerimonia simbolica immersa in uno scenario mozzafiato abbiamo studiato un allestimento floreale in totale rispetto del luogo: composizioni di eucalipto intrecciato con ulivo in cui campeggiavano fiori di camomilla e lavanda. Lo scenario che si è stagliato davanti agli occhi degli ospiti al loro ingresso ha lasciato tutti senza parole.

Julia e Nunzio si sono scambiati le loro promesse d’amore davanti ad amici e parenti ma alla presenza della più importante testimone, la figlia Aida di pochi mesi.

Tra i vari riti proposti gli sposi ne hanno scelto uno davvero particolare: il ring warming. Un rito di origine anglosassone che prevede “il riscaldamento degli anelli” che consiste nel far passare tra le mani di ogni ospite il quale nel momento in cui li ha in mano pronuncia in silenzio un augurio agli sposi. Al termine del passaggio Julia e Nunzio si sono scambiati gli anelli pregni del calore di tutti i partecipanti.

Il pranzo ha rappresentato una sfida: all’aperto sul prato. Avevamo un piano B ma abbiamo pregato tutti di non doverlo sfoderare. Due tavoli imperiali lunghissimi allestiti in stile pugliese, il sottopiatto intrecciato così come i runners sui quali campeggiavano composizioni di erbe aromatiche accolte da vasi di ceramica grottagliese del maestro Giuseppe Fasano.

Il colpo d’occhio lo potete ammirare nelle foto in galleria https://michelatombolini.it/gallery/

Una nota davvero carina è stato il fatto che tutti i bambini presenti ad un certo punto hanno buttato via le scarpe e si sono messi in libertà: le distese di prato immense della zona adiacente il luogo del pranzo sono stati le migliori baby sitter. I genitori hanno potuto godere di ogni singolo attimo dei festeggiamenti in assoluta libertà.

Alle 18:30 puntuali come orologi svizzeri gli sposi hanno tagliato la torta, il sole caldo del giorno aveva già lasciato il posto ad una luna pazzesca che campeggia nelle foto in tutta la sua bellezza.

Molto apprezzata (abbiamo dovuto riassortirla e spedirla in Svizzera una settimana dopo il matrimonio) è stata la bomboniera, un orcetto di olio del Frantoio Muraglia di Andria personalizzato in linea con tutto il design dell’evento.

Il destination wedding di Julia e Nunzio ha chiuso una stagione dei matrimoni pazzesca che difficilmente potremo dimenticare. E’ stato la ciliegina sulla torta, senza nemmeno una defezione e tutto grazie ad una squadra di fornitori assolutamente di livello ed un’organizzazione certosina.

Sogni anche tu un matrimonio dal sapore pugliese, immersi nel verde di una delle nostre pazzesche masserie?

 

Venue https://www.tenutamonacelli.com/

Foto e video https://www.cap71043.it/

Flower designers https://www.instagram.com/magazzinociro/

https://www.instagram.com/thetwinflorist/

Bridal dress and groom suite https://mariannacerimonia.com/

Music https://www.csoundeventi.com/

Il sogno d’ottobre di Giada e Antonio

I matrimoni d’autunno hanno un fascino tutto particolare in Puglia. La stagione estiva non ha ancora mollato del tutto la presa e le giornate hanno una luce ed un’atmosfera magica.

Giada ed Antonio si sono uniti in matrimonio il 3 ottobre e per loro abbiamo creato un design dai colori decisamente in linea con la stagione: il bordeaux, il verde eucalipto, rosa pesco, rosa cipria ed un tocco di gold hanno caratterizzato tutti i dettagli dell’allestimento.

Per questi due sposi avevamo una missione: riuscire ad allestire una Chiesa davvero grande senza snaturarla e senza che il progetto apparrisse “too much”.

Alle spalle dell’altare campeggiava un enorme dipinto con colori meravigliosi che alla fine siamo riusciti ad integrare bene nel contesto.

Per il pranzo Giada ed Antonio hanno scelto una location tipicamente pugliese: una masseria immersa nel verde che ha creato la cornice perfetta per questo matrimonio.

Il tempo metereologico, tranne una piccola parentesi all’uscita degli sposi in cui ha piovuto un pò, è stato dalla nostra parte permettendoci di allestire il momento del taglio torta all’aperto.

Gli sposi alla presenza di tutti gli ospiti hanno avuto il loro momento magico al cospetto di una torta nuziale sistemata su di un’altalena sospesa tra gli ulivi.

Seguendo il seguente link potete vedere tutti le altre immagini

https://michelatombolini.it/gallery/

 

Location @masseriabonelli

PH @fabiomastrovito

Flowers @thetwinflorist

Music @darkangel

Planning & Design @michelatombolini

Bridal Dress @mariannacerimonia.fragagnano

Alessio & Claudia – il sogno in riva al mare

Claudia e Alessio sono stati per me “gli sposi che non ti aspetti”, una coppia bellissima e solare con le idee molto chiare.

Il mio primo incontro con lei nel 2018 durante un trunk show nel suo atelier, Claudia è la proprietaria e responsabile delle future spose.

Aveva già in mente il suo matrimonio e di fatto iniziato già ad organizzare.

Quando mi hanno chiamata mancava un mese alle nozze, Claudia era certa di poter pensare a tutto lei vista la sua estrema conoscenza del mondo dei matrimoni ma non aveva messo in conto che il suo matrimonio fosse in concomitanza con i grandi giorni delle sue clienti. Non aveva di fatto tempo per gestire le ultime cose.

Coordinare il giorno del matrimonio di Alessio e Claudia ci è apparso subito cosa non semplice: avevano messo in moto una macchina organizzativa di alto livello, coinvolto un gruppo di fornitori fortissimi.

Il sogno dei miei sposi di agosto era doppio: la cerimonia religiosa in una Chiesetta arroccata su di un’altura in quel di Monopoli e a seguire la cerimonia delle candele con scambio di promesse in spiaggia in una location da urlo con cena.

Non credo ci siano parole per descrivere l’atmosfera di quel giorno, ciò che è rimasto impresso negli scatti meravigliosi di Vincenzo e della sua squadra rappresenta la sintesi di una giornata perfetta.

Non voglio dilungarmi oltre ma vorrei fossero le immagini a parlare, potete visionare gli scatti più belli nella galleria Gallery

 

 

Location @coccarobeach

PH @visstudiofoto&video

Flowers @ilgiardinodelre

Musica @nicorinaldi

Coordinamente @michelatombolini

Spritz&Wedding

Lo scorso anno mi sono cimentata con “Un caffè con gli sposi”, un evento di nicchia che ha avuto un discreto successo. Quest’anno ho voluto inziare a fare le cose un pò più in grande ed ecco che dalla collaborazione di più menti è nato “Spritz&Wedding”.

Ma vediamo insieme cosa rappresenta questo appuntamento.

Avete in mente di sposarvi? C’è un anello ed una proposta? Siete semplicemente delle donne che sognano il matrimonio? O siete semplicemente curiose di capire come si articola l’organizzazione di un grande evento?

Ci si sposa una volta sola nella vita ed è per questo che spesso non si ha la minima idea di come si possa iniziare a lavorare o di cosa possa comportare la scelta dei fornitori.

Spritz&Wedding vi condurrà lungo un viaggio nei sentimenti  e nelle emozioni, ma non solo!

Vi fornirà spunti importanti per comprendere come si organizza un matrimonio.

Avrete la possibilità di conoscere di persona alcuni dei migliori fornitori pugliesi, che presto sveleremo uno per uno.

Michela Tombolini wedding lawyer & planner vi fornirà tutte le dritte utili alla realizzazione del vostro sogno. Vi racconterà, secondo la sua esperienza, il meraviglioso mondo del wedding.

Per avere tutte le informazioni e ricevere tutti gli aggiornamenti sull’evento restate sintonizzate sulla mia pagina Facebook https://www.facebook.com/tombolinimichela/.

Potete inviarmi una e mail all’indirizzo info@michelatombolini.it,  con i vostri dati: nome, cognome, e mail e numero di telefono per prenotare il vostro posto.

 

Un sogno ma in due atti

Ho conosciuto Ilaria ad un evento un anno fa, era seduta in prima fila e insieme a sua sorella mi hanno seguita, entrambe rapite, nel mio racconto di un sogno.

Vi dico la verità: non mi aspettavo all’inizio sarebbe diventata una mia sposa e nemmeno lontanamente immaginavo in quale avventura magica e speciale mi avrebbe coinvolta.

Era marzo di questo anno ed una mattina di sole mi arriva un messaggio bellissimo che più o meno suonava così: ti va di aiutarci a realizzare il nostro sogno?

Umberto (così si chiama lo sposo) esattamente il 15 luglio 2018 aveva chiesto, in un luogo magico, la mano ad Ilaria. Erano in viaggio negli USA e complice una cornice mozzafiato, le cascate del Niagara, si è inginocchiato per chiederle se avesse voglia di diventare sua moglie. Perché vi racconto della proposta di matrimonio?

Perché esattamente un anno dopo, il 15 luglio 2019 Ilaria e Umberto sono diventati marito e moglie. Hanno voluto una cerimonia civile semplice ma ricercata, raffinata ed elegante con dettagli curati.

La sala consiliare del Comune di Monteparano che ci ha ospitati è stata la cornice perfetta dell’unione di questi due ragazzi.

Il design delicato nei toni del rosa blush ha trionfato nei dettagli: dall’abito della sposa, ai fiori delle composizioni floreali sino al fiocco che chiudeva il cadeau per gli ospiti.

Per Umberto e Ilaria abbiamo studiato un tavolo torta particolare, in uno dei sopralluoghi a casa della mamma della sposa mi sono innamorata perdutamente di una piccola consolle antica. Ed è lì che abbiamo creato una magia: la wedding cake scomposta in tre parti circondata da fiori ed elementi di design.

Il sogno di questi due ragazzi però non si è concluso la sera del 15 luglio 2019, Ilaria e Umberto il 15 luglio 2020 coroneranno il loro sogno d’amore con il grande evento in chiesa.

Proprio in questi giorni Ilaria ha scelto il suo abito da sposa e siamo nel pieno dei preparativi. Hanno scelto la location, il fotografo ed i musicisti. Da gennaio inizieremo a lavorare sul design e sono davvero troppo contenta di dire che la nostra avventura insieme non è ancora finita.

Non finirò mai di ringraziare questi ragazzi per l’infinita fiducia che hanno nel mio lavoro, scegliere di affidarmi non uno ma due eventi per me è un onore pazzesco.

E voi, a che punto siete dei vostri preparativi?

Se vi è piaciuto questo matrimonio potete vedere le altre foto in gallery